Artemis Orthia

Il santuario di Artemide Orthia è posto sulla riva destra dell’Eurota a SE della moderna città di Sparta nella località detta di Limnae e, dunque, ai confini della città antica. Nonostante la cronologia sia ancora molto dibattuta, Dawkins data la prima fase di frequentazione dell’area al X sec a.C. e abbiamo prova di una continuità del culto senza interruzioni fino all’arrivo di Alarico nel 396 d.C. Ha resistito, dunque, molti secoli ai numerosi cambiamenti e sconvolgimenti storici incluso l’arrivo del cristianesimo.

I ritrovamenti all’interno del sito hanno contribuito alla conoscenza del gusto artistico spartano. In particolare famose sono le maschere rinvenute, appartenenti al VII sec a.C. , che subiscono numerose modifiche nel corso del tempo fino a scomparire nelle fasi più recenti del culto .Rilevante anche la presenza di avori pertinenti a fibule rappresentanti la dea e il consorte in uno stile tipico orientale dell’VIII-VII sec a.C. che testimoniano, se non una vera e propria importazione del culto, lo scambio culturale tra Sparta e le città dell’oriente: anche le maschere, d’altronde, erano tipiche di riti orientali.

Il santuario è dedicato alla dea Orthia: dea dei confini, del selvaggio e del civile, protettrice della età giovanile e dell’età più adulta, dea ossimorica, bivalente, associata solo in Età Flavia ad Artemide per l’affinità delle funzioni a cui alcuni studiosi aggiungono la funzione di dea protettrice delle partorienti e della fertilità. Sappiamo ancora poco della dea ma certamente aveva un ruolo importantissimo e centrale nella società spartana e nella sua agoghè.

Sintesi della dott.ssa Mariapia Bartoli