Medusa laconica

Il Gorgoneion in lamina bronzea proviene dall’acropoli di Sparta, datato recentemente al 570/560 a.C. era una decorazione del tempio di Athena Chalkioikos. Altri gorgoneia in lamina bronzea sono stati rinvenuti a Cyrene e a Taranto. Per affinità con le gorgoni rappresentate sul cratere di Vix, C.M. Stibbe la attribuisce alla stessa produzione e a Ghitiadas, decoratore tradizionale del tempio. L’uso di rivestire edifici probabilmente sacri era una particolarità laconica con influssi dalla Mesopotamia come dimostrano altri confronti diretti come le placchette in avorio dal santuario di Orthìa, simili a quelle di Nimrud. Sempre nel palazzo assiro furono trovate campanelle votive bronzee avvicinabili a quelle di Samos e Sparta: Tutto quello che si sa della Athena dalla casa di Bronzo venerata a Sparta ha a che fare con la lavorazione dei metalli, la guerra, il suono del bronzo, ma anche con la sfera femminile ed il parto.

Sintesi del dott. Rossano Ricciutelli

Bibliografia

Curtis E. – Reade J.E. (eds.) 1995, Art and Treasures in the Empire: from Assyria to the British Museum, London.

Gagliano, E., Μία χαλκείη κώδων νέα: il suono di Athena. Realia e culto di Athena Chalkioikos a Sparta, in <<Annuario della Scuola Archeologica Italiana di Atene e delle missioni italiane in Oriente>>, Volume XCIII, pp. 81-112, 2015.

Kopanias, K. (2009) “Some Ivories from the Geometric Stratum at the Sanctuary of Artemis Orthia, Sparta: Interconnections between Sparta, Crete, and the Orient during the Late Eighth Century BCE.” British School at Athens Studies: SPARTA and LACONIA: From Prehistory to Premodern 16, pag. 130.

Simmons, E., A gripping tale: Re-interpreting the Archaic Potnia Theron Schema, Victoria University of Wellington, 2014 (da http://hdl.handle.net/10063/3635), pp. 33-35.

Stibbe C.M. 2006, Agalmata. Studien zur griechisch-archaischen Bronzekunst, (BABesch Suppl. XI), Leuven-Paris-Dudley, pp. 125-167

Villing A. 2002, ‘Whom Did the Bell Toll in Ancient Greece?  Archaic and Classical Greek Bells at Sparta and Bejond’, ABSA 97, 223-295.