Noi siamo archeologi,

noi conosciamo sia gli strati di terra                            che le pile di libri,
i tesori visibili e quelli da immaginare.

Per noi contano ugualmente                              profondità e superficie,
saltiamo tra centinaia di cocci e note bibliografiche.

Cerchiamo e a volte troviamo,
recuperiamo i frammenti materiali e immateriali
di una vita passata,
ma distruggiamo per ricostruirla.

Un po’ folli perché carichi di passione
ma nonostante tutto felici di vivere
per restituire al mondo                                                un racconto perduto!

N.L.S.